Search Results: 'Silvio Pellico Epistolario'

Search

×
×
×
×
21 results for "Silvio Pellico Epistolario"
Bibliografia ragionata delle opere di Silvio Pellico (1816-2010) By Cristina Contilli
Paperback: List Price: $11.83 $11.24 (excl. taxes) | You Save: 5%
Ships in 3-5 business days
Silvio Pellico è stato nel corso dell'800 l'autore italiano più tradotto in Europa, come testimoniano le edizioni in francese, inglese, portoghese, spagnolo e persino svedese del suo... More > libro di Memorie stampate nel periodo 1833-1850. Nel corso dell'800 sono state inoltre pubblicate diverse lettere del Pellico sia come pubblicazioni d'occasione di singoli autografi, posseduti da privati sia sotto forma di edizioni destinate ad un pubblico di specialisti sia infine con intenti morali, considerati i numerosi insegnamenti etici e religiosi contenuti nelle missive indirizzate dal Pellico a familiari ed amici, ma anche a scrittori del tempo che lo contattavano per sottoporgli le proprie opere. La presente edizione contiene una schedatura ragionata delle opere del Pellico, conservate nelle biblioteche italiane, aggiornata al 2011 e curata da Cristina Contilli, studiosa dell'opera del Pellico e autrice dell'edizione critica del suo epistolario.< Less
Scrittrici italiane e straniere amiche e corrispondenti di Silvio Pellico By Cristina Contilli
Paperback: List Price: $10.20 $9.69 (excl. taxes) | You Save: 5%
Ships in 3-5 business days
(1 Ratings)
LE ITALIANE CRISTINA ARCHINTO TRIVULZIO GIULIA MOLINO COLOMBINI FELICIA GIOVIO MASSIMINA FANTASTICI ROSELLINI QUIRINA MOCENNI MAGIOTTI NINA OLIVETTI ANGELICA PALLI BARTOLOMEI ROSA TADDEI LE... More > STRANIERE MARY LOUISE BOYLE LOUISE COLET SOPHIE PANNIER AGATHE SOPHIE SASSERNO’ MARY CATHARINE SEDGWICK LADY SYDNEY MORGAN MARCELLINE DESBORDES-VALMORE Nel libro di Miriam Stival intitolato “Un lettore del Risorgimento. Silvio Pellico” un ampio e interessante capitolo è dedicato alla lettura al femminile. Le scrittrici e lettrici citate dalla Stival sono soltanto, però, una minima parte delle amiche, corrispondenti, e ammiratrici del Pellico che aveva tra i suoi contatti nomi insospettabili come la femminista francese Louise Colet o la poetessa di origine greca Angelica Palli, fuggita da casa per sposare l’uomo che amava. Lavorando sull’epistolario del Pellico ho scoperto proprio questo mondo vario e a volte imprevedibile di scambi di lettere, di versi, di pareri.< Less
Lettere alla poetessa fiorentina Nina Olivetti By Silvio Pellico
Paperback: List Price: $9.63 $8.67 (excl. taxes) | You Save: 10%
Ships in 3-5 business days
(1 Ratings)
Nel 1837 si trasferisce a Torino la poetessa fiorentina Nina Olivetti, amica di Quirina Mocenni Magiotti, una delle amanti di Foscolo che Pellico aveva conosciuto nel 1816 e con cui ha avuto un... More > rapporto epistolare durato trent’anni, fatto di lettere affettuose e di un rapporto al limite tra amicizia ed amore. Inizialmente emarginata dalla vita mondana per le sua origine ebraica la Olivetti diviene in seguito amica sia della famiglia D’Azeglio sia della marchesa Giulia Falletti di Barolo. Silvio Pellico apprezza i versi della Olivetti, ma sa anche essere franco nel criticare il componimento Addio ai piemontesi che la poetessa scrive nel 1845 prima di lasciare Torino per trasferirsi in Francia.< Less
Lettere alla poetessa fiorentina Nina Olivetti By Silvio Pellico
eBook (PDF): $2.53 (excl. taxes)
Download immediately.
(1 Ratings)
Nel 1837 si trasferisce a Torino la poetessa fiorentina Nina Olivetti, amica di Quirina Mocenni Magiotti, una delle amanti di Foscolo che Pellico aveva conosciuto nel 1816 e con cui ha avuto un... More > rapporto epistolare durato trent’anni, fatto di lettere affettuose e di un rapporto al limite tra amicizia ed amore. Inizialmente emarginata dalla vita mondana per le sua origine ebraica la Olivetti diviene in seguito amica sia della famiglia D’Azeglio sia della marchesa Giulia Falletti di Barolo. Silvio Pellico apprezza i versi della Olivetti, ma sa anche essere franco nel criticare il componimento Addio ai piemontesi che la poetessa scrive nel 1845 prima di lasciare Torino per trasferirsi in Francia.< Less
Lettere al padre domenicano Raimondo Feraudi (1841-1843) By Silvio Pellico
Paperback: List Price: $8.91 $8.02 (excl. taxes) | You Save: 10%
Ships in 3-5 business days
Le seguenti lettere vennero pubblicate per la prima volta a fine ‘800 dal padre salesiano Celestino Durando che le riteneva utili a livello educativo e morale perché Pellico in queste... More > missive si mostra sempre cortese e sollecito verso la sorella Giuseppina e verso lo stesso Feraudi che era da anni un amico della famiglia Pellico e che dopo la morte del fratello maggiore di Silvio, Luigi, si prestò spesso a fare piccole commissioni relative alla proprietà che la famiglia Pellico possedeva a Chieri. Per Silvio, che era debole di salute ed era impegnato a seguire la marchesa di Barolo in tutte le sue opere di carità e in particolare nella gestione delle sale d’asilo, era, infatti, importante avere una persona di fiducia a Chieri su cui poter contare. La presente edizione è stata curata da Cristina Contilli specialista dell'opera del Pellico di cui ha scritto una biografia e di cui sta curando l'edizione critica delle lettere scritte dopo la liberazione dal carcere.< Less
Lettere al conte mantovano Giovanni Arrivabene (1838-1852) By Silvio Pellico
Paperback: List Price: $10.84 $10.30 (excl. taxes) | You Save: 5%
Ships in 3-5 business days
Nelle proprie “Memorie” il conte mantovano Giovanni Arrivabene racconta di aver conosciuto Silvio Pellico nel 1816: “Monsignor de Breme erasi recato a Mantova per mettere in iscena... More > un suo dramma intitolalo “Ida”; e Pellico ve l'aveva seguito per amicizia." Vicino ai nobili milanesi finanziatori della rivista “Il Conciliatore” nell’estate del 1820 Arrivabene ospita nella sua villa fuori Mantova il conte Luigi Porro, accompagnato dal Pellico che in quel periodo lavorava presso di lui come segretario e precettore dei due figli più piccoli. Purtroppo questa visita sarà la causa del suo arresto: verrà, infatti, accusato di essere a conoscenza dell’appartenenza di Pellico alla carboneria, ma di non averlo denunciato. Questo episodio, pur causando al conte Arrivabene un soggiorno di qualche mese nelle carceri veneziane, a cui seguirà un lungo periodo di esilio non farà venire meno la sua amicizia con Pellico.< Less
Lettere alla scrittrice fiorentina Quirina Mocenni Magiotti (1830-1847) Seconda edizione By Silvio Pellico
eBook (PDF): $2.66 (excl. taxes)
Download immediately.
Tra gli amori di Silvio Pellico Curlo Curto ha voluto includere nell’edizione delle opere scelte dello scrittore saluzzese anche Quirina Mocenni Magiotti che il Pellico aveva conosciuto... More > attraverso Ugo Foscolo e con cui costruirà un rapporto epistolare durato più di trent’anni (dal 1815 al 1847) che si intensificherà dopo la morte di Foscolo nel 1827 e la liberazione di Pellico dallo Spielberg nel 1830. A differenza, però, delle altre due donne importanti nella vita del Pellico, la nobile milanese Cristina Archinto Trivulzio e l’attrice fiorentina Teresa (Gegia) Marchionni (con cui il Pellico, anche se consapevole della difficoltà che deve affrontare, cerca di costruire un amore corrisposto e vissuto) Quirina rappresenta, invece, per lui l’amore ideale e “volutamente” lontano.< Less
Lettere d'amore all'attrice Teresa Marchionni (giugno-ottobre 1820) By Silvio Pellico
Paperback: List Price: $9.63 $8.67 (excl. taxes) | You Save: 10%
Ships in 3-5 business days
(1 Ratings)
Nella primavera del 1820 Silvio Pellico si innamora dell’attrice Teresa (Gegia) Marchionni (Firenze 1785 - Torino 1879) per cui scrive il vaudeville La festa di Bussone che viene rappresentato... More > al teatro Re di Milano il 28 giugno 1820. Nell’agosto del 1820 Silvio Pellico si trova a vivere un momento particolarmente difficile. Prima deve affrontare la morte (per tisi) dello scrittore Ludovico Di Breme che, dopo la partenza di Ugo Foscolo per l’esilio, aveva rappresentato per lui un punto di riferimento affettivo e letterario, poi deve accettare il distacco da Gegia che lascia Milano con la compagnia teatrale, di cui fa parte. Unico confidente delle sue tristezze e e dei suoi dubbi resta dunque Piero Maroncelli, a cui il Pellico confida in un biglietto: “E’ vero sono amato, ma non sono punto più felice di te. La lontananza accresce la mia passione; io non deliro che Gegia, e l’idea di non poterle più vivere vicino mi toglie ogni pace.”< Less
Lettere alla scrittrice fiorentina Quirina Mocenni Magiotti (1830-1847) Seconda edizione By Silvio Pellico
Paperback: List Price: $13.18 $11.86 (excl. taxes) | You Save: 10%
Ships in 3-5 business days
Un altro libro prezioso che ancora una volta va tutto a merito di Cristina Contilli, scrittrice marchigiana che da anni sta lavorando anche su un terreno particolare della storia del nostro... More > Risorgimento, capace di mettere insieme storie private e grande Storia. In questo modo personaggi come Silvio Pellico, Piero Maroncelli, Federico Confalonieri, personaggi insomma che siamo fin troppo abituati a considerare solo come nomi del Pantheon nazionale, buoni per i manuali di storia e la toponomastica cittadina, acquistano spessore, profondità, autenticità. Diventano sul serio persone, persone autentiche. In questa nuova fatica, si snoda tutto il rapporto epistolare che per più di 30 anni ha legato Silvio Pellico a Quirina Mocenni Magiotti. Molte le lettere sorprendenti. (dalla recensione su anobii.com dello scrittore e giornalista Paolo Ciampi)< Less
Lettere agli scrittori veneti Lorenzo Barichella e Giulio Cesare Parolari (1835-1846) By Silvio Pellico
Paperback: List Price: $8.23 $6.58 (excl. taxes) | You Save: 20%
Ships in 3-5 business days
I destinatari delle lettere di Silvio Pellico raccolte in questo volume sono due scrittori veneti, il primo per nascita (Barichella è nato e vissuto, infatti, nella sua amata Vicenza dove... More > ancora oggi nella Biblioteca Civica sono conservati i suoi autografi e le sue numerose pubblicazioni), il secondo per adozione (Parolari, era nato, infatti, a Napoli, ma ha vissuto per molti anni a Venezia). Queste lettere rappresentano l’evoluzione del gusto e delle idee letterarie del Pellico in un periodo poco studiato della sua vita che va dal 1835 al 1846, dal periodo in cui Pellico lavorava ad alcune cantiche di ambientazioni medievale e alla propria autobiografia ad una stagione in cui aveva messo da parte la poesia per dedicarsi principalmente alle opere di carità al seguito della marchesa Di Barolo di cui era divenuto segretario.< Less

Top 10

see more >
 
 
 
2
 
 
 
 
 
 
8
 
Age Verification Required